italia solare associazione fotovoltaico
teknoumbra impianti fotovoltaici
(+39) 075 5997378
telefono impianti fotovoltaici
(+39) 075 5997378
facebook teknoumbra fotovoltaici
teknoumbra fotovoltaici twitter
mail impianti fotovoltaici
telefono impianti fotovoltaici
mail impianti fotovoltaici
(+39) 075 5997378
info@teknoumbra.com
teknoumbra fotovoltaici twitter
italia solare
MEMBRO
facebook teknoumbra fotovoltaici
fotovoltaici
linkedin impianti fotovoltaici
Vai ai contenuti

Menu principale:



Gli incentivi per gli impianti fotovoltaici nel decreto FER 2018

Il nuovo decreto FER include il fotovoltaico per il triennio 2018 2019 2020


Le novità sui prossimo incentivi previsti per gli impianti fotovoltaici.

    
Vediamo il nuovo Decreto Rinnovabili FER per gli incentivi 2018 2019 2020 in cui rientrano anche gli impianti fotovoltaici.

Il Decreto FER di cui nella sua prima bozza di marzo 2018 include incentivi anche per il fotovoltaico.

Il documento è in bozza e deve essere approvata da Autorità per l'Energia, Conferenza Unificata delle Regioni, Commissione Europea.



COSA INCLUDE IL DECRETO FER SULLE ENERGIE RINNOVABILI

L’obiettivo del decreto resta quello di incentivare le energie rinnovabili elettriche nell’arco del triennio 2018-2020.

A marzo 2018 è stata emessa la bozza del Decreto rinnovabili elettriche

Il documento è abbastanza corposo prevedendo 7 bandi suddivisi in tre diversi gruppi.

Include i finanziamenti alla produzione di energia elettrica dagli impianti alimentati a fonti rinnovabili nel periodo degli anni 2018 2019 2020 tra cui gli impianti fotovoltaici.


QUALI IMPIANTI RIENTRANO NEL DECRETO FER

Possono accedere agli incentivi i progetti che ha seguito di iscrizione ai registri vengono selezionati.

Le categorie ammesse sono le seguenti:

1) impianti che siano di nuova costruzione, completamente ricostruiti e riattivati. La potenza deve essere  inferiore a 1 MW;
2) impianti che siano stati potenziati. L'aumento di potenza a seguito dell'intervento sia inferiore a 1 MW;
3) impianti che siano oggetto di rifacimento. La potenza sia inferiore a 1 MW.


ALTRE FORME DI ACCESSO AGLI INCENTIVI PER LE ENERGIE RINNOVABILI

 
Nel caso che la potenza degli impianti sia al di sopra di 1 MW sarà possibile accedere agli incentivi anche attraverso aste al ribasso.
Nel qual caso l’erogazione degli incentivi è sospesa nelle ore in cui si registrano prezzi finali orari pari a zero per un periodo superiore a 6 ore di seguito.
Sono previste procedure d'asta neutre in cui saranno comparate diverse tecnologie.
Il GSE pubblicherà i bandi relativi a procedure d'asta e registro secondo precise scadenze.


COME SONO SUDDIVISI I BANDI DI PARTECIPAZIONE


Sono previste tre diverse suddivisioni

1) impianti eolici e fotovoltaici
La potenza totale prevista è di 580 MW per l’iscrizione ai registri e 4.800 MW per le aste al ribasso.
Sono previste priorità se gli impianti sono locati in discariche, cave e miniere esaurite o siti contaminati.

2) impianti idroelettrici e geotermoelettrici, gas residuati dei processi di depurazione, alimentati da gas di discarica
La potenza totale prevista per gli incentivi è di 140 MW per i registri e 245 MW per le aste.

3) impianti con interventi di rifacimento totale o parziale
La potenza totale prevista è di 70 MW per i registri 490 MW per le aste.
La tipologia include anche impianti eolici, impianti idroelettrici e geotermoelettrici.
Gli impianti devono essere in esercizio da due terzi della loro vita utile.
Non devono essere incentivati al momento della domanda.


ALTRE PRIORITA'

E' previsto nel documento la "razionalizzazione" della localizzazione per gli interventi realizzati.
Si vuole evitare che gli impianti siano realizzati in zone differenti da dove sono già locati impianti relativi a FER non programmabili connesse in rete.



LE ULTIME NOVITA' SUL DECRETO FER PER LE RINNOVABILI 2018


Vediamo le ultime modifiche agli incentivi del Decreto Fer di settembre 2018.

Le principali novità sono le seguenti.
Incentivo ad hoc per il fotovoltaico in sostituzione dell’amianto.
Slittamento dei bandi al 2019
Taglio tariffe per l’eolico rigenerato

LA SITUAZIONE A SETTEMBRE 2018

Il testo del decreto rinnovabili 2018 è stato inviato dal Ministero dello Sviluppo economico a quello dell’Ambiente.
Il documento è pronto nella sua fase definitiva .


LE NOVITA' INTRODOTTE

E' previsto lo  slittamento delle date d’apertura dei bandi.
La data di inizio non sarà più il 30 novembre 2018, bensì il 31 gennaio 2019.
Tutto il calendario previsto vedrà uno slittamento delle tempistiche.

Alle gare potranno però essere ammessi anche “aggregati"costituiti da più impianti.
Le potenze devono essere superiori a 20 kW per ogni impianto e complessivamente sotto 1 MW per l’iscrizione ai registri.
Invece nel range 20-500 kW di potenza per ogni impianto e complessiva oltre 1 MW per le aste.

GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN SOSTITUZIONE DELL'AMIANTO

Altra novità è un nuovo gruppo di progetti nell’ambito dell’iscrizione ai registri.
Sono previsti 700 MW per impianti fotovoltaici in sostituzione dell’amianto.
Nel decreto rinnovabili 2018 al gruppo (A-2) rientrano gli impianti fotovoltaici di potenza inferiore a 1 MW i cui moduli “sono installati in sostituzione di coperture di edifici su cui è operata la completa rimozione dell’eternit o dell’amianto”.
Le limitazioni includono l’area totale dei pannelli che non deve essere superiore a quella della copertura rimossa.
Viene previsto un aumento di premio sull'incentivo pari a 12 euro per MWh.
Però l’incentivo è in questo caso esteso a tutta la produzione energetica e non soltanto a quella immessa in rete.

ALTRE MODIFICHE DI POTENZA INCENTIVATE

Modifiche sono state introdotte nel decreto rinnovabili 2018 :
per gli impianti eolici e fotovoltaici (gruppo A) la potenza massima è stato portata da 580 MW a 650 MW.
Inotre per l'eolico è prevista una riduzione del 10% della tariffa se si impiegano componenti rigenerati.  
Per gli impianti idroelettrici, geotermici e a biogas (gruppo B) la potenza da 140 MW è calata a 70 MW.
Per impianti oggetto di rifacimento totale o parziale (gruppo C) e del gruppo A o B la potenza  70 MW.
Per le aste le potenze per idroelettrico, geotermico e biogas (Gruppo B) è stato ridotto da 245 MW a 140 MW.
Il Ministero dell’Ambiente chiede l’eliminazione degli incentivi dedicati al mini-idroelettrico e al biogas da discarica.


DOVE TROVARE IL DECRETO PER I FINAZIAMENTI ED INCENTIVI AL FOTOVOLTAICO E RINNOVABILI





MODULO DI CONTATTO
(oppure scrivi a: info@teknoumbra.com )





DOVE SIAMO
Via Volumnia 38/B
Loc. Ponte San Giovanni
06135 Perugia (PG)   


Teknoumbra vanta una specializzazione specifica in impianti fotovoltaici dal 2005. Lavora in supporto di privati ed aziende per individuare la soluzione ottimale nella realizzazione e gestione degli impianti fotovoltaici.
(+39) 075 5997378

ORARI DI APERTURA
Dal lunedì al venerdì
9.00/14.00 15.30/19.00

info@teknoumbra.com


0755997378  info@teknoumbra.com

DOVE SIAMO
Perugia Loc. Ponte San Giovanni
Via Volumnia 38/B

Teknoumbra vanta una specializzazione specifica in impianti fotovoltaici dal 2005 nella realizzazione e gestione degli impianti fotovoltaici.

ORARI DI APERTURA Dal lunedì al venerdì  9.00/14.00 15.30/19.00
TEKNOUMBRA
P.iva 02764890543
Torna ai contenuti | Torna al menu